Cultura & Società febbraio 17, 2016

Alimentazione, Milano si candida come capitale mondiale

Cultura & Società febbraio 17, 2016

Alimentazione, Milano si candida come capitale mondiale

Far sì che l’Expo non sia effettivamente finito a Ottobre 2015: è questo il nuovo obiettivo della città di Milano.

 

Il manifesto che certifica l’impegno sul tema dell’alimentazione

Il 15 Febbraio il Milan Center, fondato nel 2014 grazie al contributo di Camera di Commercio di Milano, Regione Lombardia e Comune di Milano, ha presentato il manifesto con cui le associazioni del capoluogo lombardo si impegnano a continuare il progetto iniziato con l’esposizione universale, così che a Milano non cali il sipario sul tema dell’alimentazione.

Il diritto al cibo, in particolare, è un argomento molto importante per Livia Pomodoro – ex Presidente del Tribunale di Milano, ora a capo del Milan center for Food Law – che ha sottolineato la necesssità di regolarizzare il diritto al cibo e all’acqua perchè

“Si va sempre di più verso un mondo dove ci sarà abbondanza di cibo ma in cui ci sarà il 50 per cento di super nutriti e il 50 per cento di malnutriti”

Milano come punto di riferimento internazionale dell’alimentazione

Il Milan Center aspira a rendere la città lombarda il centro internazionale più importante dell’alimentazione, un’idea che è nata anche prima di Expo e che è continuata con la Carta di Milano. Secondo il Presidente, ora è tempo di

“Accendere i motori dell’eredità di Expo rendendo Milano il punto di riferimento internazionale per l’alimentazione”

La tecnologia in aiuto all’agricoltura

Il progetto mira a sviluppare le idee nate con Expo, cercando di sfruttare anche le nuove tecnologie per realizzare qualcosa di concreto che possa effettivamente aiutare il progresso basato sull’economia agricola. Ecco che è stata presentata in Camera di Commercio di Milano una proposta che prevede l’utilizzo di “idro-droni” nelle aree desertiche che possano limitare il problema ingente della siccità del terreno e facilitare lo sfruttamento del suolo per l’agricoltura locale.

 

 

Fonti:

Onuitalia.com

Cno-webtv.it